Loading…

PUBBLICAZIONI EDIDA

Passione per la scrittura
ESPLORA
Primo piano di un gatto

Il sergente

:: di Lyes :: Ero andata via dall’ufficio senza salutare. Non lo facevo mai, ma in quei giorni ero stanca di tutto e di tutti. Questo dover oltrepassare i controlli e una sbarra all’entrata e all’uscita dal lavoro, mi rendeva intollerante, antipatica e claustrofobica. Particolarmente. Perché già lo ero di mio… Ma non da quando […]

Il dito medio

Il dito medio

:: di Stefano Angelo :: – Non ce la faccio più. – Che succede chavalín? – Smettila di parlarmi in “itañolo” che non vivi più in Spagna. E poi non sono più un ragazzino. – Come che non vivo più in España, ma se l’Europa dovrebbe essere una Spagna allargata! – Ma che dici nonno? […]

La ragazzina che dipinge un quadro

La ragazzina

:: di Stefano Angelo :: La ragazzina ha circa 10 anni, credo. Alta un metro e cinquanta, magra. Ha un dente che sporge leggermente in fuori. L’incisivo sinistro, per esser precisi. Porta occhiali da vista tondi, poco spessi. Ha una felpa arancione con cappuccio, con i cordoncini bianchi, asimmetrici, che pendono sul suo torace senza […]

Lo spartito

Lo spartito

:: di Stefano Angelo :: È facile, ce la posso fare.Devo solo eseguire i passaggi in sequenza come mi hanno insegnato. Due pannelli, un po’ di fili da tagliare e l’allarme sarà disattivato.È facile, ce la posso fare. Peccato che abbia il cuore in gola e le mani sudate. Peccato che se non ci riesco […]

Chat erotiche

Un lavoro strambo

:: di Andrea Cini :: Sono un “milleurista” e come la maggior parte dei “milleuristi” della mia generazione mi son trovato un secondo lavoro, uno di quei lavoretti che siam costretti a fare per arrotondare un po’. Uno di quei lavori che i nostri genitori non possono concepire e anche quando ci sbattono la testa […]

Il temporale

Il temporale

:: di Maura Mollo :: La luce a giorno e il boato fragoroso mi sorpresero in piedi, in quella casa troppo nuova per me ma già consumata dal tempo. Avevo aperto l’ultimo scatolone del trasloco soltanto poche ore prima e, nella confusione, non ricordavo dove fossero le candele, accessori vitali in situazioni come quella. Arrancai […]